Per tutti gli insegnanti

Pagina 7 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Mar 23 Set 2008, 11:22

Danza lenta

Hai mai guardato i bambini in un girotondo?
O ascoltato il rumore della pioggia quando cade a terra?
O seguito mai lo svolazzare irregolare di una farfalla?
O osservato il sole allo svanire della notte?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare così veloce.
Il tempo è breve.
La musica non durerà.

Percorri ogni giorno in volo?
Quando dici "Come stai?" ascolti la risposta?
Quando la giornata è finita ti stendi sul tuo letto
con centinaia di questioni successive che ti passano per la testa?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare così veloce
Il tempo è breve.
La musica non durerà.

Hai mai detto a tuo figlio, "lo faremo domani"
senza notare nella fretta il suo dispiacere?
Mai perso il contatto con una buona amicizia che poi è finita perché tu non
avevi mai avuto tempo di chiamare e dire "Ciao"?
Faresti meglio a rallentare.
Non danzare così veloce
Il tempo è breve.
La musica non durerà.

Quando corri così veloce per giungere da qualche parte
ti perdi la metà del piacere di andarci.
Quando ti preoccupi e corri tutto il giorno,
come un regalo mai aperto .. gettato via.
La vita non è una corsa.
Prendila piano.
Ascolta la
musica.

http://electra.leonardo.it/blog

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Mar 23 Set 2008, 11:25

Ho ancora la forza

Non ho la forza adesso
di mettermi in gioco
di lottare
di cambiare la situazione.
Non ho la forza adesso
di chiedere aiuto
di gridare
piuttosto che giacere immobile.
Non ho la forza adesso
di muovermi
di uscire
di prendere a pugni la vita.
Non ho la forza adesso
di ammettere
a me stessa
tutti i miei errori.
Non ho la forza adesso
di staccarmi
dalla dolce
sensazione di sicurezza.

Ma ho ancora la forza di volermi bene.

http://electra.leonardo.it/blog

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Mar 23 Set 2008, 23:58

Accetta il consiglio..per questa volta..
(The Big Kahuna)

Goditi potere e bellezza della tua gioventù. Non ci pensare.
Il potere di bellezza e gioventù lo capirai solo una volta appassite.
Ma credimi, tra vent'anni guarderai quelle tue vecchie foto.
E in un modo che non puoi immaginare adesso.
Quante possibilità avevi di fronte e che aspetto magnifico avevi!
Non eri per niente grasso come ti sembrava.
Non preoccuparti del futuro.
Oppure preoccupati, ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare un chewing-gum per risolvere un'equazione algebrica.
I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non t'erano mai passate per la mente. Di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio.
Fa' una cosa, ogni giorno che sei spaventato. Canta.
Non esser crudele col cuore degli altri. Non tollerare la gente che è crudele col tuo.
Lavati i denti. Non perder tempo con l'invidia. A volte sei in testa. A volte resti indietro. La corsa è lunga e alla fine è solo con te stesso.
Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti.
Se ci riesci veramente dimmi come si fa.
Conserva tutte le vecchie lettere d'amore, butta i vecchi estratti conto.
Rilassati.
Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita.
Le persone più interessanti che conosco, a ventidue anni non sapevano che fare della loro vita. I quarantenni più nteressanti che conosco ancora non lo sanno.
Prendi molto calcio.
Sii gentile con le tue ginocchia, quando saranno partite ti mancheranno.
Forse ti sposerai o forse no. Forse avrai figli o forse no. Forse divorzierai a quarant'anni. Forse ballerai con lei al settantacinquesimo anniversario di matrimonio.
Comunque vada, non congratularti troppo con te stesso, ma non rimproverarti neanche.
Le tue scelte sono scommesse. Come quelle di chiunque altro.
Goditi il tuo corpo.
Usalo in tutti i modi che puoi.
Senza paura e senza temere quel che pensa la gente.
E' il più grande strumento che potrai mai avere.
Balla.
Anche se il solo posto che hai per farlo è il tuo soggiorno.
Leggi le istruzioni, anche se poi non le seguirai.
Non leggere le riviste di bellezza. Ti faranno solo sentire orrendo.
Cerca di conoscere i tuoi genitori. Non puoi sapere quando se ne andranno per sempre. Tratta bene i tuoi fratelli. Sono il migliore legame con il passato e quelli che più probabilmente avranno cura di te in futuro.
Renditi conto che gli amici vanno e vengono. Ma alcuni, i più preziosi, rimarranno.
Datti da fare per colmare le distanze geografiche e di stili di vita, perché più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone che conoscevi da giovane.
Vivi a New York per un po', ma lasciala prima che ti indurisca.
Vivi anche in California per un po', ma lasciala prima che ti rammollisca.
Non fare pasticci coi capelli, se no quando avrai quarant'anni sembreranno di un ottantacinquenne.
Sii cauto nell'accettare consigli, ma sii paziente con chi li dispensa. I consigli sono una forma di nostalgia. Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio, ripulirlo, passare la vernice sulle parti più brutte e riciclarlo per più di quel che valga.
Ma accetta il consiglio... per questa volta.

Nota: Testo originale di Mary Schmich. Si tratta di un articolo pubblicato sul Chicago Tribune nel giugno del 1997 il cui titolo originale è 'Advice, like youth, probably just wasted on the young'. Si può trovare anche nei titoli di coda del film THE BIG KAHUNA di John Swanbeck con Danny DeVito e Kevin Spacey.

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Test psicologici

Messaggio  annalaura il Gio 25 Set 2008, 11:59

Cettina, perdonami se mi permetto di inserire qui alcuni test che mi hai mandato giorni fa: li ho trovati davvero carini!

Hanno scoperto un difetto standard del nostro cervello!

Questi test sono geniali, falli senza usare carta, non c'è bisogno di scrivere o annotare niente, segui solo le istruzioni che via via vengono date!



TEST n° 1
È stato scoperto che il nostro cervello ha un BUG.


Segue un piccolo esercizio di calcolo mentale

Questo calcolo deve essere fatto MENTALMENTE e RAPIDAMENTE, senza usare calcolatrice o carta e penna!

Sii onesto ... fai i calcoli mentalmente.

Hai 1000, aggiungi
40

Aggiungi ancora 1000.



Aggiungi 30


e di nuovo 1000


Aggiungi 20.



Aggiungi ancora 1000


e poi 10.


Qual è il totale? La risposta sta più in basso


Il tuo risultato è 5000.


La risposta esatta è 4100!!!!!!!!!!
Se non ci credi ripeti i calcoli con la calcolatrice!

Ciò che accade è che la sequenza decimale confonde il nostro cervello, che salta naturalmente al decimale più alto
(centinaia anziché decine).




TEST n° 2
Test del piede
destro intelligente.

Val la pena di provare, è incredibile..ma vero.
Ciò che segue è così curioso che sfida tutta la comprensione. Sono pronto a scommettere che proverete almeno 50 volte per vedere se siete capaci di svincolare il piede..ma non ci riuscirete. Provate:


1. Mentre siete seduti al vostro tavolo di lavoro, alzate il piede destro dal pavimento e
fategli fare dei cerchi nel senso delle lancette dell'orologio.

2. Mentre fate dei cerchi col piede destro, disegnate la cifra 6 nell'aria con la mano destra.

il vostro piede cambia di direzione!

3. Ve l'avevo detto...e non c'è niente da fare.


4. Mandate questo messaggio ai vostri amici...non lo crederanno neanche loro, ma si divertiranno a provare..

5. Non dimenticate il piede nel senso delle lancette di un orologio!



TEST n. 3

Questa è la storia di una ragazza. Ai funerali della madre, vede un giovane che non conosce. Lo trova fantastico, proprio l'uomo dei suoi sogni. E' un colpo di fulmine, e se ne innamora perdutamente. Qualche giorno più tardi, la ragazza uccide la propria sorella.

Domanda: per quale motivo ha ucciso la sorella?
NON GUARDATE SUBITO LA RISPOSTA SOTTO.

Riflettete prima alla vostra risposta personale alla domanda.




RISPOSTA: Sperava che il giovane si ripresentasse di nuovo al funerale.



Se avete risposto correttamente alla domanda, pensate come uno psicopatico.


Questo test era usato da un celebre psicologo americano per sapere se una persona aveva una mentalità da assassino. Molti serial killer hanno fatto il test e risposto correttamente.

Se non avete trovato al risposta
giusta...meglio per voi!
Se i vostri amici la trovano, vi consiglio di
mantenere le distanze...




TEST n. 4
(valido soprattutto per chi conosce un pochino di Inglese).

Prendetevi al massimo 10 secondi per farlo, altrimenti non è valido.
Guardate poi il risultato più sotto.


Contate il numero di F nel seguente testo:

FINISHED FILES ARE THE RE-
SULT OF YEARS OF SCIENTIF-
IC STUDY COMBINED WITH THE
EXPERIENCE OF YEARS

Ecco fatto.

Non guardate il seguito se non avete finito di contare.
D'accordo?



Quante? Tre?
ERRORE, ce ne sono sei.


Non è uno scherzo! Tornate sopra e ricontate!
La spiegazione è qui sotto...


Il cervello non registra 'OF'.
Incredibile, vero? Chi conta sei F al primo tentativo è un genio, quattro o cinque è raro, tre è normale.
Meno di tre, dovete cambiare occhiali.



Ultima modifica di annalaura il Gio 25 Set 2008, 22:05, modificato 1 volta

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  cettina62 il Gio 25 Set 2008, 15:35

Annalaura, a me il test lo aveva mandato Nelina, ma credo che non si dispiacerà. Ma c'era qualcos'altro.Ne sono sicura perchè il risultato era diverso dalla norma.Inserisci anche quelli. Baci
avatar
cettina62

Femminile Numero di messaggi : 23
Età : 55
Località : PADOVA
Data d'iscrizione : 19.08.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

da tenere presente!!!

Messaggio  cri64 il Gio 25 Set 2008, 17:58



Ultima modifica di cri64 il Sab 24 Ott 2009, 01:15, modificato 1 volta
avatar
cri64

Femminile Numero di messaggi : 90
Località : Como
Data d'iscrizione : 25.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  cri64 il Gio 25 Set 2008, 18:01



Ultima modifica di cri64 il Sab 24 Ott 2009, 01:03, modificato 1 volta
avatar
cri64

Femminile Numero di messaggi : 90
Località : Como
Data d'iscrizione : 25.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  cri64 il Gio 25 Set 2008, 18:07



Ultima modifica di cri64 il Sab 24 Ott 2009, 01:01, modificato 1 volta
avatar
cri64

Femminile Numero di messaggi : 90
Località : Como
Data d'iscrizione : 25.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Gio 25 Set 2008, 21:55

Molto molto belle.
Grazie, Cri!!! cheers

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  evauva il Gio 25 Set 2008, 22:16

Ciò che arriva senza essere chiamato è il destino

avatar
evauva

Femminile Numero di messaggi : 25
Età : 49
Località : modena
Data d'iscrizione : 07.09.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.evapigliapoco.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Dom 28 Set 2008, 18:47

Perchè io sono Marco
un ragazzo "speciale"

Ho il mio posto, io.
Ho il mio banco, io.
Ho una classe speciale, un maestro speciale in una scuola speciale.
Sono speciale io.
Sono speciale così come quelli della mia stessa classe.
Non m'importa come siano gli altri.
Essi sono, semplicemente.
Tutti nel nostro mondo, circondato dai nostri occhi e dai nostri sensi. In volo con ciò che ci attira o che ci fa star bene, a seguire melodie o rapporti matematici, a vedere forme laddove altri vedono materia.
Il nostro mondo non ci è estraneo, siamo parti di esso.
Siamo intuizione senza comunicazione.
Siamo diversi, dicono.
Diversi.
Io il concetto di diversità l'ho capito dallo sguardo di mio padre quando da piccolo ero una categoria a parte di figlio.
Adelaide era la bambina che piaceva a tutti, cantava e ballava.
Giulio era lo scavezzacollo, quello che non stava un attimo fermo.
E poi c'ero io.
" Ah quello è Marco ma non capisce, Dio ce l'ha dato così".
Il "non capisce" fu la mia dannazione.
A vita.
Adelaide ora sta tutto il giorno al cellulare, estranea alla vita almeno quanto lo sono io, e se non è al telefono ha la musica nelle orecchie.
Non ho mai compreso se lei e nostra madre hanno mai parlato la stessa lingua.
Mia madre le grida spesso "Tu non mi capisci".
Giulio ha le sue manie. S'imbottisce di una polverina, e nelle feste piu tranquille lui e i suoi amici si scolano una cassa di bottiglie di vino.
Alla fine non si regge in piedi e vomita una vita che non gli piace.
Il suo vomito mi scivola addosso.
Anche se io non alzo lo sguardo.
Perchè io sono Marco, quello diverso.
Marco che non capisce, perchè Dio mi ha fatto cosi.

http://pensierispiegazzati.splinder.com

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Dom 28 Set 2008, 18:49

Voglio morire senza fare esami

Oggi ho i brividi, brividi di esami.
E’ una malattia che mi porto da tanto tempo, da quando mi pare di iniziare a ricordare qualcosa della mia vita.
I primi furono sintomatici, con cadenza determinata da malattie comuni a tutti i bambini.
La varicella segnò il mio esame di quinta elementare e mi ritrovai sola in un banchetto che mi sembrava ancor piu piccolo messo in un angolo, distante da tutti gli altri.
Non fu diverso l’esame di terza media ma stavolta era il morbillo a farmi stare come in una tana a guardare il resto del mondo.
Pensavo che la paura dell’esame scatenasse in me una sorta di reazione di difesa.
Aspettai l’esame di maturità per vedere se ero cresciuta o riuscivo a tirare in ballo qualche sconosciuta malattia che mi portasse sempre lì, nel mio banco distante dagli altri, senza la remota possibilità di scambiare un’occhiata di mal comune mezzo gaudio con qualche mio compagno di classe.
La malattia non arrivò ma i professori pensarono bene di piazzarmi al primo banco perchè il commissario esterno avesse nei primi posti ragazzi di timbro che non si facessero beccare con foglietti o altro, ragazzi che potessero coprire chi era meno fortunato nel sapere.
Ai professori non passò mai per la testa che l’ansia che mi prese in quei tre giorni di esami non riusciva neanche a farmi scrivere il mio nome e cognome, perchè anche di quello ero incerta.
Pensavo che all’università ormai ero una giovane donna e non mi sarebbe accaduto nulla.
Mi sarei seduta con calma e avrei guardato il professore quasi con aria di sfida.
Certo lo pensavo mentre passeggiavo nei corridoi, incapace persino di assistere ad un esame per vedere , magari, su cosa verteva l’interesse del professore.
Il problema fu che al mio primo esame, non appena il bidello chiamò il mio nome tra la folla di studenti nel corridoio ebbi un attacco acuto di diarrea.
Avevo avuto un bel da fare a convincermi che mi sarei seduta come faceva la Gorgone, avrei accavallato le gambe e avrei parlato di Kant o Hegel come se stessi prendendo il thè in un salotto culturale.
Invece ero in bagno, ferita nel mio amor proprio, senza sapere come uscire da quell’empasse.
Decisi che avrei gestito gli esami in maniera diversa.
Era l’attesa che mi distruggeva perciò avrei fatto in modo di essere sempre la prima in ogni esame, per tutti gli esami a venire.
Fu cosi che mi ritrovai a giugno del quarto anno, con la prima sessione di laurea possibile, seduta davanti ad una commissione a discutere la mia tesi.
Questa fretta, questa velocità di fare esami saltò subito agli occhi alla commissione.
E di cosa si parlò durante la discussione? Del tempo, del nostro anticipare il tempo, che non era l’argomento della mia tesi.
Ormai ero paralizzata. Cercavo di mettere ordine in testa ma proprio non ci riuscivo.
Il mio relatore, che in pratica era quello che avrebbe dovuto seguirmi nella tesi, esordì con il dire che il neo della mia tesi era che fosse una tesi giornalistica, s’intromise nella discussione un altro esimio docente, che scoprii dopo essere il correlatore, asserendo che ai giorni nostri gli intellettuali scrivevano tutti in maniera giornalistica, i due arrivarono alle parole forti e se non fossi stata paralizzata avrei riso di gusto.
Le parti si stavano scambiando ed io ero solo il burattino di turno.
Uscita con un mazzo di rose, sulle scale della facoltà pensai che gli esami fossero finiti per sempre, finalmente.
Non avevo pensato che ne avrei avuto molti altri.
Esami di concorso, esami di abilitazione in diverse discipline, esami esami esami.
Ad un certo punto della mia vita ho cambiato direzione, ho scelto di fare un altro lavoro.
Ed eccolo lì: l’esame.
Stavolta nessuna malattia, ma il pancione di una madre in attesa, un pancione di otto mesi che intenerì una commissione severa e soprattutto ignorante, mi accorsi quanto fosse stato molto piu semplice parlare con persone preparate che con gente ottusa.
Quando nacquero i bambini pensai che i miei esami fossero davvero finiti.
Entrambi però a cinque anni sapevano leggere e scrivere e si erano scocciati di stare alla scuola materna, loro volevano la maestra vera, le interrogazioni, i compiti a casa.
Cosi mi ritrovai seduta vicino a loro per gli esami di primina.
Ricominciarono le passeggiate d’attesa mentre li vedevo inermi affrontare esami, esami, esami.
Seguii tutta la serie di esami di rito, quinta elementare, terza media e finalmente gli esami di maturità del grande.
Guardai mio figlio presentare il sito internet che aveva preparato in occasione della maturità.
Tremava dall’emozione ed io cercavo di essere forte per lui e con lui, ma dentro, mentre lo sentivo parlare, sentivo che quell’esame era anche un po’ mio. Alla fine un applauso ripetuto più volte ed un presidente esterno che si congratulava con una stretta di mano poderosa sembrava ripagarmi di cotanta attesa. .
Ringraziai il cielo. Gli esami erano davvero finiti.
Un sospiro di sollievo ma solo per pochi giorni, arriva la notizia che il corso di laurea in cui vuole tentare l’accesso mio figlio è a numero chiuso e il concorso sarà nazionale.
Ottocento posti per ventiduemila studenti che ne hanno fanno richiesta.
Mi sono ritrovata con mio marito a passeggiare sotto il sole il 23 luglio davanti ad una facoltà affogata di genitori in ansia.
Tutti lì, noi ragazzi del ‘59, a ripercorrere vecchie sensazioni che ci hanno aiutato a crescere, ad aspettare l’uscita dei nostri ” pargoli” come se fossero andati in guerra, una guerra di 80 domande in 60 minuti.
Ricordo le facce sconvolte, quelle arrese, quelle spavalde.
E’ ricominciato il ciclo universitario degli esami di mio figlio David, è ricominciato il mio ciclo.
Oggi attendevo lo squillo del cellulare, quella maledetta patologia generale che non ci aveva fatto dormire la notte , oggi mio figlio l’avrebbe affrontata.
Appena il tempo dell’arrivo della tanta attesa telefonata che Sissi, l’altra mia figlia, butta lì per caso che l’anno prossimo sarà tempo dei suoi esami di maturità e che lei vuole preparare un ipertesto insolito, e naturalmente punta sul mio aiuto.
Scivolo sul divano distrutta.
Squilla il telefono, mia figlia mi passa la cornetta, io ad alzarmi non ce la faccio.
E’ il mio medico, più un amico di famiglia direi.
- Ho visto i tuoi esami di sangue. Non vanno, non vanno proprio.
La glicemia è altissima, segui la dieta che ti ho dato e li ripetiamo tra 15 giorni.
Mi raccomando questi esami sono importanti.-
Mi chiedo se si può nascere senza l’opzione esame
Odio gli esami.
Inesorabilmente.

http://pensierispiegazzati.splinder.com

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  cettina62 il Dom 28 Set 2008, 19:45

In classe ho un bambino autistico, che l'anno scorso ha incominciato il ciclo della primaria con noi. Alla prima riunione di equipe, ci hanno detto che stavamo sbagliando tutto, che non dovevamo assecondare la sua richiesta infantile di baci e abbracci, che dovevamo farlo lavorare fuori dall'aula e stilare una programmazione diversificata. Imperterrite abbiamo continuato a fare quello che avevamo fatto fino a quel momento, sono arrivata a spiegare alla classe tenendolo in braccio.
A fine anno l'equipe ha riscontrato i progressi del bambino. Oggi, in seconda, il primo giorno ha sorriso a tutti chiamandoli per nome. Mi guarda negli occhi ed inizia a parlare in prima persona. Per Marco, per il mio fantastico Thomas e per tutti i bambini speciali.........GRAZIE.
avatar
cettina62

Femminile Numero di messaggi : 23
Età : 55
Località : PADOVA
Data d'iscrizione : 19.08.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  cri64 il Dom 28 Set 2008, 22:42

L'AMORE E' LA MIGLIORE DELLE MEDICINE !!!!!



..siccome non fa "business", non la consiglia mai nessuno .... ma i risultati sono incredibili Very Happy
avatar
cri64

Femminile Numero di messaggi : 90
Località : Como
Data d'iscrizione : 25.04.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Mar 30 Set 2008, 12:43

Altruismo, un'arma vincente
a cura del CNR

Emerge da uno studio condotto dall’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione (Istc) del Cnr sui pipistrelli vampiri, maestri in questa strategia nel gruppo

C’è chi si immola per la patria o per un causa religiosa, chi rischia la propria vita per salvarne un’altra o fa piccole azioni per aiutare il prossimo. Di esempi di altruismo sono piene le cronache. Ma quali sono le cause che spingono l’uomo a fare il bene degli altri senza tener conto di se stesso? Una spiegazione ci viene offerta dal mondo animale. In particolare, dai pipistrelli vampiri, brutti sì, ma generosi. Anche con individui con i quali non sono imparentati. A studiarne “la condotta” altruistica è stato un gruppo di ricercatori dell’Istituto di scienze e tecnologie della cognizione (Istc) del Cnr che, attraverso la simulazione su computer, ha formulato nuove ipotesi su tale dinamica relazionale.

“L'obiettivo dello studio” spiega Mario Paolucci dell'Istc del Cnr “è capire uno dei tanti aspetti di questa attitudine umana, partendo da un livello di scala inferiore e meno complesso, quello degli animali. L’altruismo appare in contrasto con la teoria dell'evoluzione, secondo la quale sopravvive il più adatto; mentre avvantaggiando gli altri, l’altruista dovrebbe soccombere. Ciononostante, l’altruismo è diffuso tra gli animali. Come mai? La nostra ricerca dimostra che questo comportamento può essere una strategia vincente. È quel che succede fra i vampiri, grazie alla loro organizzazione sociale caratterizzata da gruppi di 20-40 individui. Se uno di loro per tre giorni di seguito non trova cibo rischia di morire. A quel punto interviene il pipistrello “altruista” che gli dona, rigurgitandolo, parte del sangue di cui si è alimentato, riducendo il beneficio di una nottata di caccia. Ma nella comunità vi sono anche dei parassiti che non soccorrono il prossimo in pericolo di vita. I “bari” costituiscono una minaccia per il gruppo e per se stessi; sfruttano all’osso gli altruisti, poi, non trovando più vittime da spolpare, muoiono essi stessi. La specie dunque era destinata ad estinguersi, ma ciò non è avvenuto. Dalle nostre simulazioni si è visto che gli altruisti sono protetti dalle pareti dei nidi che si formano quando gli individui si riproducono e si separano. Quei pochi nidi di soli altruisti che per caso si formeranno, conquisteranno l’intera popolazione, garantendone la sopravvivenza e la riproduzione. Tale risultato porta acqua al mulino della teoria della selezione di gruppo, demolita negli anni Sessanta da quella che considerava la reciprocità come unica spiegazione ammissibile dell’altruismo.”

“L’altruismo” conclude Rosaria Conte dell’Istc-Cnr “può essere una strategia vincente anche in grandi comunità, purché gli individui siano dotati di una certa intelligenza. Se gli individui agiscono in base ai loro scopi-che variano sia in senso altruistico che egoistico- osservando gli effetti su di sé delle azioni altrui, l’altruismo sopravvivrà e si diffonderà di più dell’egoismo, perché fa più proseliti. I “bari”, che rifiutano l’aiuto anche a chi, come nel caso dei vampiri, è in fin di vita, vengono imitati più raramente. E sono proprio le forme estreme e vulnerabili di altruismo, come il martirio, ad avere il maggior numero di seguaci. Il proselitismo degli altruisti rende relativamente inoffensivo il comportamento parassitario e truffaldino anche senza l’aiuto delle anguste pareti del nido, e permette quindi la formazione di comunità più ampie di quanto non accada fra i pipistrelli. Ecco perché gesti eroici, martirio, ecc. si diffondono in ondate epocali. Di per sé l’altruismo rafforza il gruppo, a condizione che questo si isoli. Ma è l’altruismo intelligente che consente alla nostra specie di organizzarsi in gruppi sempre più vasti, - forse anche nella grande rete internet - senza isolarsi, ma supportando i nuovi arrivati e neutralizzando i bari con la forza dei suoi argomenti”.



Scheda

Che cosa: studio del comportamento altruistico
Chi: Istituto di scienze e tecnologie della cognizione (Istc) Roma

Per informazioni: Rosaria Conte, Istc-Cnr
Phone: +39 06/86090210
E-mail: rosaria.conte@istc.cnr.it

Per informazioni: Mario Paolucci, Istc-Cnr
Phone: +39 06/86090215
E-mail: mario.paolucci@istc.cnr.it

Per informazioni: Gennaro Di Tosto, Istc-Cnr
Phone: +39 06/86090518
E-mail: gennaro.ditosto@istc.cnr.it

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Mar 30 Set 2008, 15:43

Malinconia
di Luca Carboni

La malinconia ha le onde come il mare
ti fa andare e poi tornare
ti culla dolcemente
la malinconia si balla come un lento
la puoi stringere in silenzio
e sentire tutto dentro
è sentirsi vicini e anche lontani
è viaggiare stando fermi
è vivere altre vite
è sentirsi in volo dentro gli aereoplani sulle navi illuminate
sui treni che vedi passare

ha la luce calda e rossa di un tramonto
di un giorno ferito che non vuole morire mai

sembra quasi la felicità,
sembra quasi l’anima che va
il sogno che si mischia alla realtà
puoi scambiarla per tristezza ma e’ solo l’anima che sa
che anche il dolore servirà

e si ferma un attimo a consolare il pianto
del mondo ferito che non vuol morire mai

e perdersi tra le dune del deserto
tra le onde in mare aperto
anche dentro questa città
e sentire che tutto si può perdonare,
che tutto è sempre uguale
cioè che tutto può cambiare
è stare in silenzio ad ascoltare
e sentire che può essere dolce
un giorno anche morire

nella luce calda e rossa di un tramonto
di un giorno ferito che non vuole morire mai

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Mar 30 Set 2008, 16:09

Un giorno venne da me Malinconia

Un giorno venne da me Malinconia
e disse: <<Io voglio stare un po' con te>>;
e mi parve ch'essa portasse con sé
come compagni Dolore e Cordoglio.
E io le dissi: <<Allontanati, va via>>;
ed essa mi rispose superbamente:
e mentre discorreva con me molto comodamente,
guardai e vidi Amore, che veniva
stranamente vestito d'un drappo nero,
e portava sul capo un cappello; (segni di lutto)
e di sicuro piangeva davvero.
Ed io gli dissi: <<Che hai, infelice?>>.
Ed egli rispose: <<Io ho sventura e dolore,
perché la nostra donna (Beatrice) muore, dolce fratello>>.
(Traduzione: Lorenzo De Ninis)


Originale con qualche dubbio!!!

Un dì si venne a me Malinconia

Un dì si venne a me Malinconia
e disse: <<Io voglio un poco stare teco>>;
e parve a me ch'ella menasse seco
Dolore e Ira per sua compagnia.
E io le dissi: <<Partiti, va via>>;
ed ella mi rispose come un greco:
e ragionando a grande agio meco,
guardai e vidi Amore, che venia
vestito di novo d'un drappo nero,
e nel suo capo portava un cappello;
e certo lacrimava pur di vero.
Ed eo li dissi: <<Che hai, cattivello?>>.
Ed el rispose: <<Eo ho guai e pensero,
ché nostra donna mor, dolce fratello>>.
(Dante Alighieri)

dal web

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Sab 04 Ott 2008, 18:39

Pensa a un Mondo uguale a te
Di Cleonice Parisi
http://www.cleopa.it/

Ti conviene far del bene
non ti allevierà le pene,
ma se vieni nel creato
solo a ciò sei comandato,
è per questo che sei nato!
Pensa a un mondo uguale a te
dove solo amore c’è
dove il cuore della gente
solo dà
e non chiede niente;
Pensa a un mondo uguale a te
dove solo gioia c’è
e la luce dei bambini
ci fa tutti più vicini;
Pensa a un mondo uguale a te
dove il sole sempre c’è
dove è festa tutto l’anno
abolito è ogni inganno;
Pensa a un mondo uguale a te
si lo so, inver non c’è,
ma possiam crearlo insieme
ti conviene far del bene,
e se insieme lo facciamo
il creato miglioriamo.
Pensa a un mondo uguale a te
Pensa a un mondo uguale a me
Migliorare il mondo puoi
solamente se lo vuoi.

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Gio 09 Ott 2008, 11:40

"...l'amore, mi sembra di tutte la cosa principale.
Penetrare il mondo, spiegarlo, disprezzarlo, può essere l'opera dei grandi filosofi. Ma a me importa solo di poter amare il mondo, non disprezzarlo, non odiare il mondo e me; a me importa solo di poter considerare il mondo, e me, e tutti gli esseri, con amore, ammirazione e rispetto"
(Hermann Hesse da "Siddharta")


"Il tempo non esiste, è solo una dimensione dell'anima.Il passato non esiste in quanto non è più, il futuro non esiste in quanto deve ancora essere, e il presente è solo un'istante inesistente di separazione tra passato e futuro!"
(Sant'Agostino "Le confessioni")

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Gio 09 Ott 2008, 11:52

"Quando l'amore chiama, seguitelo,
sebbene le sue vie siano difficili ed erte,
e quando vi avvolge con le sue ali, cedetegli,
anche se la lama nascosta tra le piume potrà ferirvi.
Quando vi parla, credetegli,
sebbene la sua voce possa frantumare i vostri sogni così come il vento
del nord arreca scompiglio al giardino.
Poiché nel mentre che l'amore vi incorona così vi crocefigge.
Mentre vi accresce così vi taglia per potarvi.
Mentre ascende alle vostre altezze e carezza i vostri più teneri rami palpitanti al sole,
così penetra fino alle vostre radici scuotendole nel loro abbraccio alla terra.
Come pannocchie di granturco vi raccoglie in sé.
Vi batte fino a farvi spogli.
Vi staccia per liberarvi dai cartocci.
Vi macina fino al candore.
V'impasta sinché siete cedevoli;
e poi vi consegna al suo sacro fuoco,
così che possiate diventare pane sacro per la sacra mensa di Dio.
Tutto questo provocherà l'amore in voi affinché possiate conoscere i segreti del vostro cuore,
e per questa conoscenza divenire un frammento
del cuore della Vita.
Ma se, timorosi, nell'amore cercate soltanto la tranquillità e il suo piacere,
allora meglio per voi che ricopriate le vostre nudità allontanandovi dall'aia dell'amore,
nel mondo senza stagioni dove riderete, ma non tutte le vostre risa,
e piangerete, ma non tutte le vostre lacrime.
L'amore nulla dà se non se stesso e nulla prende se non da se stesso.
L'amore non possiede né vuole essere posseduto;
poiché l'amore basta all'amore.
Quando amate non dovreste dire, "Dio è nel mio cuore", bensì "Io sono nel cuore di Dio".
E non pensate di poter dirigere il corso dell'amore giacché, se vi trova degni,
è l'amore che dirige il vostro corso.
L'amore non desidera che appagare se stesso.
Ma se amando dovete avere dei desideri, essi siano questi:
sciogliersi ed essere come un ruscello che scorrendo canta alla notte la sua melodia.
Conoscere il dolore della troppa tenerezza.
Ferirsi di comprensione dell'amore;
e sanguinare volentieri e con gioia.
Risvegliarsi all'alba con un cuore alato e ringraziare per un nuovo giorno d'amore;
riposare nell'ora del meriggio e meditare dell'amore l'estasi;
grati rincasare nella sera;
e poi assopirsi con una preghiera per l'amato in cuore
e sulle labbra un cantico di lode."
(Kahil Gibran "Il Profeta")

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Gio 09 Ott 2008, 11:58

... Così è la mia vita, un affresco molteplice e variabile che solo io posso decifrare e che mi appartiene come un segreto. La mente seleziona, esagera, tradisce, gli avvenimenti si sfumano, le persone si dimenticano e alla fine rimane solo il percorso dell'anima, quei rari momenti di rivelazione dello spirito. Non interessa ciò che mi è accaduto, ma le cicatrici che mi segnano e mi distinguono. Il mio passato ha poco senso, non vedo ordine, chiarezza, propositi nè cammini, solo un viaggio alla cieca, guidata dall'istinto e da eventi incontrollabili che deviarono il corso del mio destino. Non ci fu calcolo, solo buoni propositi e il vago sospetto che esista un disegno superiore che determina i miei passi. Finora non ho condiviso il mio passato, è il mio ultimo giardino, su cui non si è affacciato neppure l'amante più intruso ...
(I. Allende)


... Sai qual'è un errore che si fa sempre ? Quello di credere che la vita sia immutabile, che una volta preso un binario lo si debba percorrere fino in fondo. Il destino invece ha molto più fantasia di noi. Proprio quando credi di trovarti in una situazione senza via di scampo, quando raggiungi il picco di disperazione massima, con la velocità di una raffica di vento tutto cambia, si stravolge, e da un momento all'altro ti trovi a vivere una nuova vita ...
(Và dove ti porta il cuore - di S. Tamaro)

... ho letto un motto degli indiani d'America che diceva : "Prima di giudicare una persona cammina per tre lune nei suoi mocassini" ... Viste dall'esterno molte vite sembrano sbagliate, irrazionali, pazze. Finchè si sta fuori è facile fraintendere le persone, i loro rapporti. Soltanto da dentro, soltanto camminando tre lune con i loro mocassini si possono comprendere le motivazioni, i sentimenti, ciò che fa agire una persona in un modo piuttosto che in un altro. La comprensione nasce dall'umiltà non dall'orgoglio del sapere ...
(Và dove ti porta il cuore - di S. Tamaro)

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Gio 09 Ott 2008, 12:06

"Cara bambina, non devi aspettarti una lettera da me appena me ne hai spedita una. Non aspettarti che io scriva con la stessa frequenza. L'aspettativa uccide tutto. Dare qualcosa per scontato è il vero pericolo, e bisogna che impari a non aspettarti niente, ma solo ad aspettare. Conosco il desiderio. Mi ha accompagnato per tutta la vita, a volte in modo così violento da far male. In qualche caso mi ha fatto arrivare vicinissimo a ciò che desideravo, tanto da farmi sperare che un giorno sarei riuscito ad arrivare in fondo. Non è andata così, ma è ancora il desiderio a spingermi più vicino al centro della vita, della tempesta, di me stesso. [...]
Non ti aspettare, Delphine, che il desiderio si esaurisca perchè ricevi una lettera da me. La leggi avidamente, come io leggo le tue, ma appena arrivi alla fine l'inquietudine riappare, in un circolo senza fine. La condizione più bella e vitale è fatta di serenità e desiderio."
(Iselin C. Hermann da "Per lettera")


"Una lettera, nel momento in cui la infili nella busta, cambia completamente. Finisce di essere mia, diventa tua. Quello che volevo dire io è sparito. Resta solo quello che capisci tu."
(Cathleen Schine "La lettera d'amore")


"Avrei potuto":
non riusciremo mai a comprendere il significato di questa frase. Perchè in ogni momento della nostra vita ci sono state cose che sarebbero potute accadere ,ma che alla fine non sono avvenute".[...]
"Sarebbe stato facile mantere il controllo, giacchè non ero innamorata. Chi è in grado di domare il proprio cuore, è capace di conquistare il mondo. Le parole della canzone dicevano:
Un poesia e una cornetta
possono far vagare il cuore.

[...] Se amare fosse stato facile, starei abbracciata a lui, e le parole della canzone racconterebbero una storia che è la nostra storia".[...]
"Può darsi che mi amasse davvero ,ma saremmo riusciti a trasformare questo amore in qualcosa di diverso,di più profondo?
"Ridicolo" ho pensato. "Non esiste niente di più profondo dell'amore. Nei racconti d'infanzia, le principesse baciano i rospi, e i rospi si trasformano in principi. Nella vita reale, le principesse baciano i principi, e questi si trasformano in rospi " [...]
"Avevo sempre saputo che il vero amore è al di sopra di tutto e che sarebbe stato meglio morire, piuttosto che cessare di amare.
Ma pensavo che solo gli altri ne avessero il coraggio. In quel momento, invece, scoprivo di esserne capace anch'io. Anche se avesse dovuto significare partenza, solitudine, tristezza, l'amore valeva comunque ogni centesimo del suo prezzo".[...]
"L'amore si scopre soltanto amando".
(Paulo Coelho da "Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto")

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Sab 11 Ott 2008, 01:13

Preghiera di serenità

Dio concedimi la serenità
di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare quelle che posso cambiare,
e la saggezza di distinguere tra le due.

Vivere giorno per giorno,
godersi un momento per volta,
accettare le avversità come una via verso la pace,
prendere, come Lui fece,
questo mondo corrotto
per quello che è, non per quello che vorrei,
confidare che Lui sistemerà tutto
se mi abbandonerò alla Sua volontà.
Che io possa essere
ragionevolmente felice in questa vita
e sommamente felice accanto a Lui
nella prossima, per sempre.

dal web

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Sab 11 Ott 2008, 01:14

Quando pensi che tutto sia perso,
è proprio quello il momento di ricominciare,
raccogli cio' che di buono sei riuscito a creare
e portalo con te,
il resto lascialo.

Vestiti di un sorriso e di tanta speranza
allena il tuo cuore per le future battaglie
e impara da quelle che tu chiami sconfitte.
Ricorda, c'è un tempo per piangere
e un tempo per sorridere, SEMPRE
se questo è il giorno della tua lacrima
ricordati che domani
si potrà trasformare in sorriso
se tu lo vorrai.

Dal web

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  annalaura il Sab 11 Ott 2008, 01:25

Se tu sapessi


Se tu sapessi con quanto amore seguo i tuoi passi
Se tu sapessi con quanto amore
asciugo le tue lacrime
Se tu sapessi con quanto amore
ti prendo per mano affinché tu non cada
Se tu sapessi con quanto amore ti guardo
mentre annaspi nel caos della vita
E ogni istante, minuto, ora
della giornata ti sono accanto.
Se tu sapessi con quanto amore guardo il tuo sguardo
che a volte è così triste e non ce la fa a vedere la luce.
Se tu sapessi con quanto amore stringo la tua mano
quando scrivi parole che non riesci a condividere
se tu sapessi con quanta gioia
mi stringo al tuo cuore quando regali un sorriso.
Se tu sapessi.. che ti sono accanto sempre
in ogni istante e maggiormente nei momenti difficili.
Raccolgo i ricordi più belli che a volte tendi a dimenticare
raccolgo l'amore seppellito nel tuo cuore
e te lo ripropongo attraverso gli incontri casuali
attraverso il tuo stesso sguardo riflesso su di uno specchio.
Se solo sapessi quanto soffro insieme a te dell'amaro della vita
capiresti il mio grande amore che ho per te, figlio mio.

dal web

_________________


avatar
annalaura

Femminile Numero di messaggi : 401
Località : Baar (Zug) - Svizzera
Data d'iscrizione : 09.03.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.docentilinguaecultura-enti.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Per tutti gli insegnanti

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 7 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum